Sponsor

10 ott 2015

Box-car Bertha. Autobiografia di una vagabonda americana di Thompson Bertha

Box-car Bertha. Autobiografia di una vagabonda americana di Thompson BerthaI viaggi 'on the road', sono emozionanti ed affascinanti.
Soprattutto per l'immaginario collettivo che vedono protagonisti vagabondi e le immense strade americane.

Fin qui nulla di strano, a parte il fatto che l'homeless è sempre rappresentano uomo.
Ma... 

Bertha Thompson, vagabonda per nascita e per vocazione, svela, invece, un ambiente straordinario e poco conosciuto.
Che vita condurranno mai le donne che vivono sulla strada, note come  le 'sisters of the road'?


Bertha è nata da di una coppia di radicali, sostenitori del libero amore.
Cresce nei primi decenni del Novecento, tra lotte operaie nei comparti delle ferrovie, vagabondi e sindacalisti.
Nelle periferie o, in luoghi dimenticati da tutti, tranne da chi "ogni sera discute di amore, scioperi e socialismo". 

A quindici anni, da sola sulla strada, è curiosa e coraggiosa.
Viaggia come clandestina sui treni, per scoprire la libertà e l' avventura. 
Si circonda di anarchici e sindacalisti, poeti rivoluzionari, ladri e intellettuali.

"Box-Car" Bertha è vagabonda per professione, diventa ladra, prostituta, madre ma è sempre 'sorella della strada'. 
La 'sorellanza' che lega queste donne non ha nulla  a che vedere con quello che unisce le femministe borghesi della stessa epoca. 
Il libro è trasgressivo e passionale, soprattutto per l'ironia e l'umanità davvero singolari, che Bertha ci presenta on the road, in ogni angolo degli Stati Uniti.

Dalle vicende straordinarie di "Box-Car" Bertha, il regista Martin Scorsese ha tratto, nel 1972, il film "Box-Car Bertha", conosciuto in Italia come "America 1929: sterminateli senza pietà".

Nessun commento:

Posta un commento