Sponsor

25 ott 2015

Cecco Angiolieri: "S'i fossi foco"

Cecco Angiolieri: "S'i fossi foco"Sonetto

S'i fosse fuoco, arderei 'l mondo; 
s'i fosse vento, lo tempestarei; 
s'i fosse acqua, i' l'annegherei; 
s'i fosse Dio, mandereil' en profondo; 
s'i fosse papa, allor serei giocondo, ché tutti cristiani imbrigarei; 
s'i fosse 'mperator, ben lo farei a tutti tagliarei lo capo a tondo. 
S'i fosse morte, andarei a mi' padre; s'i fosse vita, non starei con lui; similemente faria da mi' madre. Si fosse Cecco com'i' sono e fui, torrei le donne giovani e leggiadre: le zoppe e vecchie lasserei altrui.


Cenni su autore e Opera
Autore: Cecco Angiolieri
Titolo dell'Opera: Rime
Data: Tra la fine del XIII e l'inizio del XIV sec.
Genere: Poesia lirica
Forma metrica: Sonetto con rime incrociate nelle quartine e, alternate nelle terzine. 

Traduzione
Se io fossi fuoco, brucerei il mondo; se fossi vento, gli manderei una tempesta; se fossi acqua, lo annegherei; se fossi Dio, lo farei sprofondare; se fossi il Papa, allora sarei felice, perché metterei nei guai tutti i cristiani; se fossi l’imperatore, lo farei senz’altro: taglierei la testa a tutti quelli che mi stanno intorno. Se fossi la morte, andrei da mio padre; se fossi la vita, non starei insieme a lui: lo stesso farei con mia madre. Se fossi Cecco, come in effetti sono e sono sempre stato, prenderei le donne giovani e belle e lascerei agli altri le vecchie e brutte.

Nessun commento:

Posta un commento