Sponsor

25 ott 2015

Le streghe (The Witches) di Ronald Dahl

Le streghe (The Witches) di Ronald Dahl
Il romanzo per bambini"Le streghe (The Witches)"  è stato scritto da Roald Dah, vincitore del Premio Bancarellino nel 1988. 

Dal libro è stato tratto il film "Chi ha paura delle streghe?", interpretato da Anjelica Huston e, diretto da Nicolas Roeg.



Il protagonista, di cui non si rivela il nome, è un bambino inglese di sette anni, orfano di entrambi i genitori, morti a seguito di un incidente d'auto, durante un viaggio verso Oslo. 
Nel testamento, però, dopo un lascito testamentario, il bambino andrà a vivere con la sua adorata nonna, signora anziana e simpatica, che fuma il sigaro. 
La nonna raccontar al suo caro nipotino le avventure di malvagie streghe, donne normali ma caratterizzate da una serie di bizzarre.

Queste donne vogliono eliminare tutti i bambini del mondo.
Ma, come identificarle?
Il bambino distingue le donne dalle streghe, perchè queste ultime portano sempre la parrucca, indossano scarpe a punta, hanno i piedi senza dita, hanno occhi che sembrano infuocati e hanno la saliva blu. 

Nell'hotel Magnificient di Bournemouth, alloggiano tutte le streghe inglesi, per l'annuale raduno con la Strega Suprema, il loro capo, una donna mostruosa dal volto putrefatto e, dalla voce gracchiante, ma in realtà dichiaranodi essere membri della Reale Società per la Protezione dell'Infanzia Maltrattata. 

Il bambino, assiste alla riunione segreta e sente il loro piano: eliminare i bambini inglesi trasformandoli in topi, grazie ad una Pozione Fabbricatopo a Scoppio Ritardato. 
Come dimostrazione dell'effetto, durante la riunione, viene trasformato in topo Bruno Jenkins, un bambino viziato e goloso con un papà molto ricco, adescato apposta. 

Le streghe fiutano la presenza del protagonista. 
Il bambino viene scoperto e costretto a bere la pozione e, diventa un topo, ma riesce a scappare assieme a Bruno dalla nonna e ad avvertirla. A Con quella pozione, i bambini non diventano veri topi, ma bambini-topi, cioè assumono le sembianze di topi ma conservano la capacità di pensare e parlare come bambini umani. 
Superato lo sconvolgimento iniziale, la nonna si rende conto di dover fermare a tutti i costi le streghe ed elabora un piano col nipote: rubare una boccetta della pozione nella stanza della Strega Suprema e, trovare il modo di farla bere alle streghe. 
Riusciranno i nostri eroi nel loro intento?

Nessun commento:

Posta un commento