Sponsor

31 ott 2015

Lo scontro tra il bene ed il male

Lo scontro tra il bene ed il male
Il tiro alla fune simboleggia una lotta rituale per interpretare il futuro, per propiziare il bel tempo o, un raccolto abbondante.

Il tiro alla fune, come altri sport, ha origine da cerimonie rituali
Lo scontro tra il bene ed il male, negli eventi quotidiani o, nelle forze della natura, che condizionano l'esistenza dei popoli, è rappresentato in molti paesi per mezzo della lotta alla corda.


Si esprime, così, il dualismo della complementarietà universale; bene-male, vita-morte, luce-ombra, maschile - femminile, cielo- terra, ying-yang
Al tiro alla fune si attribuivano poteri magici.

In Birmania ( Myanmar) le due squadre rappresentano la pioggia e la siccità. E' opinione popolare che piova, quando prevale il campo umido.

In Corea, gli abitanti di capanne contigue, si sfidano per sapere chi di loro in autunno otterrà il raccolto migliore.
Tra le tribù eschimesi del Canada, si formano due squadre, una rappresenta l'autunno e, l'altra l'inverno.
Il risultato della lotta fornisce delle indicazioni sulla futura stagione.

Negli antichi giochi olimpici (500 a. C.),il tiro alla fune era praticato sia come attività sportiva, che come allenamento per altre discipline.

Il tiro alla fune restò nel programma dei giochi olimpici moderni, dal 1900 al 1920.
In seguito venne cancellato per la riduzione di specialità in gara.
Il desiderio di organizzare competizioni internazionali, portò nel 1960 alla costituzione di una Federazione Internazionale (Tug of War International Federation).
Nel 1975 si tenne il primo campionato del mondo, che si alterna da allora con campionati europei.

Nessun commento:

Posta un commento