Sponsor

12 feb 2016

Il doposcuola è davvero stressante per i bambini?

Il doposcuola è davvero stressante per i bambini?
Ogni genitore vorrebbe garantire il meglio per i suoi figli. E, spesso gli fornisce tutti gli strumenti necessari per renderli migliori. 
Alcuni sono convinti di avere in casa dei piccoli geni, disposti a sacrificare il tempo libero con mille attività!

Tali genitori si dimenticano che i loro figli hanno il diritto di vivere al meglio la loro infanzia: sono bambini, non supereroi...


Il figlio multitasking si è sparsa a macchia d’olio col risultato (certo) di avere genitori esauriti e, spesso frustati, dal momento che riversano sui figli tutto ciò che nella propria vita non sono riusciti a compiere, per incapacità o per altri motivi. Qual'è davvero il beneficio reale, che i bambini traggono da tutte queste attività programmatiche?

Alcuni genitori sono convinti che, maggiore è la spinta educativa e, più competitivi diventeranno i figli nel mondo del lavoro. Se questa è la motivazione però non ci sono prove concrete a supporto, come ha affermato qualche tempo fa Steven Levit, professore di economia alla University of Chicago. L’altro motivo è un po’ meno idealistico e cioè che se le vogliono levare di torno, per un paio d'ore. 

I bambini non conosceranno mai la noia, in cui nulla è (all’apparenza) impiegato. Qua, invece, scatta la fase più bella dell’immaginazione. 
Infatti, si inizia a creare e sognare... Nella smania di intrattenere costantemente i bambini perdono la sublime arte della combustione spontanea di idee. I bambini sono spugne che assorbono tutto, ma il loro tempo libero è importante, quanto il nostro.

Nessun commento:

Posta un commento