Sponsor

14 mar 2016

Alcune storie vere che hanno ispirato film famosi: siete pronti a stupirvi?

Alcune storie vere che hanno ispirato film famosi: siete pronti a stupirvi?
Il silenzio degli innocenti e Psycho sono ispirati a storie vere, lo sapevate cari lettori? 

Ebbene, entrambe le pellicole, sono state ispirate dalla cronaca nera e dalle vicissitudini del serial killer Eddie Gein, catturato dai poliziotti nel 1950, dopo che gli agenti avevano trovato in casa sua una serie di cadaveri. 

L'omicida, oltre che assassino era anche un cannibale....
Le vittime erano state rapite, torturate ai fini di prelevarne pezzi da cucinare e mangiare, ed infine uccise.


Nightmare, famosa saga, è ispirato a una serie di articoli, resi noti dal Los Angeles Times, nei quali si parlava della morte di alcuni giovani asiatici, residenti negli Usa. Essi morivano in circostanze misteriose, dopo aver avuto incubi notturni. Wes Craven, regista di Nightmare e ideatore del personaggio Freddy Krueger, prese spunto da queste fonti e creò la nota serie cinematografica.

Lo Squalo, di Steven Spielberg, del 1975, è tratto dall’omonimo romanzo di Peter Benchley.
Anche il romanzo si ispira ad una storia vera, accaduta nel 1916.
Nello Stato del New Jersey, uno squalo attaccò ed uccise diverse persone a Beach Haven e, alla foce del Matawan Creek.
Lo squalo spari' improvvisamente e di esso non furono rinvenute tracce. 

La tempesta perfetta è una tragica vicenda, che ricorda "The Storm", un reportage del giornalista Sebastian Junger pubblicato nel 1994 sul magazine Outside. Ma non tralasciamo niente....
Dunque parliamo anche di Fast & Furious, film  ispirato da un articolo sulle corse di auto clandestine, pubblicato sulla rivista statunitense Vibe nel 1998, e firmato dal giornalista Kenneth Li Raphael. 

L'articolo “Racer X“, rendeva note le prodezze di Estevez, giovane e abile pilota impegnato in gare clandestine, nella speranza di arrivare a gareggiare legalmente su veri circuiti automobilistici. Ma intanto, scorrazza in modo disinvolto e dinamico sulle strade di uptown Manhattan, a New York. 

Nessun commento:

Posta un commento