sponsor

25 giu 2016

Galileo Galilei ed il suo innovativo metodo sperimentale

Galileo Galilei ed il suo innovativo metodo sperimentale
Galileo Galilei è stato un fisico, astronomo, filosofo e matematico italiano, considerato il padre della scienza moderna. Vissuto tra il 1564 ed il 1642, ha dato origini al nuovo metodo sperimentale, utilizzato nella scienza moderna.

Secondo Aristotele (in greco antico: Ἀριστοτέλης, Aristotélēs; Stagira, 384 a.C. o 383 a.C. – Calcide, 322 a.C.), l'osservazione era importante, pur non oltrepassando il senso comune e le qualità sensibili delle cose.


Galileo riprende questo concetto e,inoltre, sottolinea le proprietà oggettive dei corpi, definendone grandezze, posizioni spazio-temporali, ordini e, stati di moto o quiete, basandosi su concetti democritei (Democrito è stato un filosofo greco antico, 460 a.C.-370 a.).
La ricerca naturalistica, quindi, si compone di due processi:
- osservazione
- principi teorici 
L'esperienza è frutto di esempi fattuali empirici, che suggerisce induttivamente le ipotesi esplicative, conducendo da ciò che è noto, attraverso i sensi delle cognizioni astratte, in precedenza sconosciute.

Dai principi esplicativi, passiamo alle osservazioni (leggi scientifiche), utilizzando il linguaggio matematico e, inoltre la deduzione, attraverso la conferma sperimentale.


Nessun commento:

Posta un commento