Sponsor

06 lug 2016

Cinema in lutto: cordoglio per Abbas Kiarostami (regista iraniano)

Cinema in lutto: cordoglio per Abbas Kiarostami (regista iraniano)
E' morto a Parigi il regista Abbas Kiarostami, 76 anni. Vinse la palma d'oro a Cannes nel 1997 per il film 'Il sapore della ciliegia'

Abbas Kiarostami era un regista, sceneggiatore,fotografo, un pittore, uno scultore e un designer grafico. Kiarostami si era laureato all'Università di Belle Arti della sua città di nascita, Teheran, e, cominciò la sua carriera come illustratore di libri per bambini. Non a caso il suo primo film, 'Mossafe', racconta di un ragazzino ostinato nel volere vedere a tutti i costi le partite della squadra di calcio di cui è tifoso. 

'Il sapore della ciliegia' fu il film che lo consacrò con la Palma d'oro al festival di Cannes, con tanto di bacio di Catherine Deneuve che gli consegnò il premio. La trama vede come protagonista un uomo che nella periferia di Teheran gira alla ricerca di qualcuno che lo aiuti a suicidarsi. 


Una ricerca che più che confermare la sua volontà di morte, lo apre invece al dubbio. A farlo desistere dal suo intento sarà un vecchio saggio che lavora al museo di storia naturale e che gli ricorda il sapore delle ciliegie, la bellezza della pioggia e anche della vita. 

Il regista, nato a Teheran nel 1940, era restato in Iran dopo la rivoluzione islamica del 1979 e diresse oltre 40 pellicole. Dopo l'elezione alla presidenza iraniana di Mahmoud Ahmadinejad, esponente ultraconservatore, aveva deciso di realizzare i suoi film all'estero.

"E' una perdita grandissima, quella di un immenso artista", scrive il sito internet del quotidiano francese Le Monde. 

"Una perdita per il mondo del cinema, e non solo quello iraniano. È stato unico e irripetibile. Il suo sguardo sul mondo e sugli esseri umani era di una pulizia disarmante". Così l'attore e montatore italo-iraniano Babak Karimi, noto in particolare per le sue interpretazioni negli ultimi film di Ashgar Fahradi. L'attore considera "incalcolabile" l'influenza di Kiarostami sulle nuove generazioni del cinema iraniano.  

Nessun commento:

Posta un commento