Sponsor

25 lug 2016

Ruggine di Anna Luisa Pignatelli

Anna Luisa Pignatelli, toscana di nascita, ha trascorso molti anni fuori dall'Italia, tra Dar es Salaam, Seoul e Città del Guatemala. È conosciuta e apprezzata in Francia, dove, nel 2010, ha vinto il Prix des lecteurs du Var con la traduzione del suo primo libro, "Nero toscano" e con "Ruggine", che le ha fatto guadagnare il Premio Lugnano.

Il nuovo racconto, "Ruggine" narra le vicissitudini di Gina, detta Ruggine a causa del suo amore per il suo gatto Ferro. E' una donna emarginata, sola e piena di rimorsi nei confronti del figlio Loriano, internato in una casa di igiene mentale. Nel paese in cui vive, a parte il prete, la scansano tutti dandole l'impressione "che tutti sappiano", comportandosi con crudeltà


La solitudine di questa anziana donna, sola davanti alla fine della sua vita e che non si arrende dentro se stessa, che difende il proprio vissuto per quanto inquietante possa essere, è l'emblema dell'emarginazione di chi vecchio appare solo un ingombro per gli altri, che non sanno come affrontarne l'eventuale imprevista umanità e magari la sua parte più oscura. 

Attorno, quindi, tante altre figure, dall'assistente sociale ai vicini, una coppia di professori, ma capaci di un'apertura verso Ruggine, incapace di piegarsi alla meschinità e alle ipocrisie del paese, mantenendo viva una sua curiosità e disponibilità verso il mondo. 

Nessun commento:

Posta un commento