Simply

04 apr 2017

Un anno in Provenza di Peter Mayle

Un anno in Provenza di Peter Mayle
 http://amzn.to/2nEL7nB
It found it hard to associate the idea of ​​a January 1, who also assured us all very normal, with the sun and the sky is a clear blue. After all, though, we were in Provence

We were there were several times by tourists, dissatisfied with our annual ration of two or three weeks of warm and bright light. Each time, andandocene skinned his nose and with much regret, we ripromettevamo to come, sooner or later, to live here. 

We had speech during long winters and gray, or green, humid summers, covering with a sigh of nostalgia pictures of market towns and vineyards, dreaming of being awakened by a dazzling sun through the windows of the bedroom. 

And now, almost to our surprise, we had thrown in the company, had bought a house, took French lessons, said goodbye to friends, we boarded our two dogs, and we had become strangers...



Ci riusciva difficile associare l'idea di un primo gennaio, che pure tutti ci assicuravano normalissimo, con quel sole e quel cielo di un azzurro intenso. Dopo tutto, però, eravamo in Provenza. C'eravamo stati più volte da turisti, insoddisfatti della nostra razione annuale di due o tre settimane di caldo e di luce brillante. 

Ogni volta, andandocene col naso spellato e con molto rimpianto, ci ripromettevamo di venire, prima o poi, a vivere qui. Ne avevamo discorso durante inverni lunghi e grigi, o verdi e umide estati, riguardando con un sospiro di nostalgia le foto dei mercatini di paese o dei vigneti, sognando di essere svegliati da un sole abbagliante attraverso i vetri delle finestre della camera da letto. 

E ora, quasi con nostra sorpresa, c'eravamo buttati nell'impresa, avevamo comprato una casa, preso lezioni di francese, detto addio agli amici, avevamo imbarcato i nostri due cani ed eravamo diventati degli stranieri...

Nessun commento:

Posta un commento