Sponsor

30 set 2015

L’importanza di chiamarsi Ernest di Oscar Wilde

L’importanza di chiamarsi Ernest di Oscar WildeJack Worthing è un self made man, di origini sconosciute eassai arrogante.
E' tutore di Cecily, ragazza di 18 anni.
I due abitano con l'istitutrice di quest'ultima, Miss Prism, in una dimora in campagna. 

Jack per motivi inspiegabili decide di andare a Londra.
Qui comincia a farsi notare nelle feste e negli eventi mondani, organizzati da nobili.
E....
Da qui cominciano gli equivoci e le situazioni surreali, che solo Oscar Wilde sa regalarci.

Jack si fa chiamare Ernest.
Il suo scopo è quello di  trovare il caro amico Algernon Moncrieff, in modo che possa presentargli Gwendolen Fairfax, cugina di Algernon.
la mano. 
Jack/ Ernest chiede a Gwendolen di sposarlo.
La giovane,affascinata dal nome Ernest,accetta la proposta di matrimonio. 
Algernon scopre l'amico è tutore di Cecily e, quindi, mentendo sulla sua identità,  afferma di essere il fratello minore di Jack.
E seduce Cecily. 

Nel frattempo, giungono dentro casa Jack, Gwendolen, la madre e Lady Bracknell, ostile al matrimonio tra i due,  poiché scopre che che Jack è un orfano, adottato da una famiglia benestante. 

Cecily e Gwendolen diventano amiche e scoprono che i rispettivi fidanzati hanno mentito sulla propria identità.
Ma ...
L'amore trionfa su tutto e, dopo vari litigi e varie situazioni rocambolesche si assisterà ai due
matrimoni?

8 commenti:

  1. é da troppo tempo che con compro un buon libro...e questo mi ha incuriosito davvero molto...cm posso faccio un salto alla libreria...grazie mille ♥

    RispondiElimina
  2. un bellissimo libro, sicuramente da leggere e rileggere

    RispondiElimina
  3. La trrama è molto interessante, voglio assolutamente leggerlo e sapere come va a finire la storia . Un saluto, Daniela.

    RispondiElimina
  4. Grazie mille per i vostri commenti... Il libro è davvero esilarante e il finale è davvero a sorpresa.
    Lo consiglio a chi non ama le cose scontate e preconfezionate.

    RispondiElimina
  5. questi romanzi mi affascinano sempre ...e grazie per condividerle con noi

    RispondiElimina
  6. Ho letto diverse opere di Oscar Wilde ma questa mi manca...ho visto il film però...

    RispondiElimina
  7. Wooow! Devo assolutamente prendere questo libro!

    RispondiElimina
  8. L'ho visto in teatro a Trieste ho l'abbonamento alla Prosa. Recitato bene ma onestamente il soggetto non mi è molto paciuto. Non ho letto il libro. Buona serata

    RispondiElimina