Sponsor

26 feb 2016

Concorso di poesia Il Parnaso "PREMIO ANGELO LA VECCHIA" - sezione Principale: Menzione d'oro di Bellanca Giuseppe

Concorso di poesia Il Parnaso "PREMIO ANGELO LA VECCHIA" - sezione Principale: Menzione d'oro di Bellanca Giuseppe
Quanto può essere triste vedere una persona che amiamo persa in un mondo tutto suo ed irreale, fatto di "ricordi sbiaditi" e "fantasie quasi reali"? 

Come recuperare le memorie perdute, aiutando un padre, come scrive l'autore Giuseppe Bellanca, con affetto e dedizione; prendendolo per mano come fosse un bambino verso terre conosciute e prive di nebbie?

Giuseppe Bellanca ci propone, cari lettori una stupenda poesia e uno spunto di riflessione. L'autore ha partecipato al Concorso "Il Parnaso. Premio Angelo La Vecchia, ottenendo la Menzione d'oro per il suo componimento, che ho l'onore di recensire. Buona lettura a tutti voi! 

ME PATRI SI CUNFUNNI  di  Bellanca Giuseppe
                       
Me patri cunfunni, u jurnu ccu la notti
u mari ccu lu cilu, i stiddi e a luna.
Di picciuttu nu liuni, ranni travagghiaturi
patri amurusu, maritu ‘nnammuratu e fideli.
A strata bbona nni ‘nsignà l’amuri ppi la famigghia e l’honestà
essiri umini e fimmini nni sta società.
E ora?

Liuni jeratu, li forzi ti pigghiaru   
a menti cunfusa dda nu curpu strantuliatu.
Ti pigghiu ppi manu e mi dumanni cu sugnu.
“To figghiu”  rispunnu.

A to menti cunfusa mi scancia ppi n’antru
certi voti ppi so patri, certi voti ppi cusà cu.
Nnu mo cori priu ca tu nun pati
u mo duluri lu tignu ppi mì.

(Giuseppe Bellanca)
        
Mio padre si confonde
Mio padre confonde il giorno con la notte , il mare con il cielo , le stelle e la luna.
Da giovane un leone, grande lavoratore, padre amoroso,marito innamorato e fedele.
La strada buona ci ha insegnato  l’amore per la famiglia e l’onestà,  essere uomini e donne, in questa società. 
E ora? 
Leone eri,  le forze ti hanno preso, la mente confusa , in un corpo tremante. 
Ti prendo per mano.
E mi domandi chi sono. “Tuo figlio” rispondo. 
La tua mente confusa mi scambia per un altro certe volte per suo padre, certe volte per chi sa chi. 
Nel mio cuore prego che tu non soffra, il mio dolore  lo tengo per me.

Nessun commento:

Posta un commento